In Finlandia lo stage si chiama Tyoharjoittelu e può essere svolto sia da studenti che da persone inoccupate o disoccupate. Nelle scuole superiori il tirocinio ha una funzione prevalentemente orientativa; ha invece una valenza prettamente formativa lo stage per gli studenti universitari, ma non è obbligatorio in tutte le facoltà. È invece obbligatorio nei Politecnici, dove dovrà avere una durata non inferiore ai 6 mesi e dovrà garantire l’acquisizione di almeno 30 crediti. Lo scopo dello stage è quello di far entrare gli studenti a contatto diretto con il mondo del lavoro e di completare la loro formazione teorica mediante l’acquisizione sul campo di competenze professionali. Per avere informazioni sul sistema dell’istruzione finlandese si può consultare il sito del Finnish National Agency for Education. Oltre ai tirocini curriculari, il sistema finlandese prevede anche i tirocini extracurriculari. Questi stage, organizzati dai Servizi pubblici per l’impiego - i TE-Palvelut (o Te-Offices) - sono rivolti agli inoccupati e ai disoccupati e hanno un durata massima di 12 mesi (in alcuni casi, ad esempio per i tirocini finalizzati all’inclusione sociale, si può arrivare fino a 18 mesi). L’obiettivo di questi stage è quello di favorire il rientro dei disoccupati nel mercato del lavoro e di orientare i giovani inoccupati alla scelta della professione, agevolandone l’ingresso nel mondo del lavoro. Durante lo stage i tirocinanti continuano a percepire l’indennità disoccupazione.
I tirocini possono svolgersi presso gli enti pubblici, le imprese, le associazioni e altre organizzazioni; non è obbligatorio riconoscere al tirocinante un’indennità, ma in alcuni contratti collettivi è esplicitamente menzionato e previsto un compenso per lo stagista. Per attivare un tirocinio è necessaria la stipula di una convenzione: nel caso di tirocini svolti durante gli studi, la convenzione viene stipulata tra la scuola o l’istituzione formativa, l’organizzazione ospitante e lo studente; nel caso di tirocini per inoccupati e disoccupati, la convenzione viene sottoscritta dai Servizi pubblici per l’impiego, dall’organizzazione ospitante e dal tirocinante. In questo documento vengono indicati i diritti e doveri dei tirocinanti, il periodo e la durata del tirocinio, gli orari previsti, i contenuti formativi dello stage e l’eventuale compenso. Il tirocinante viene seguito da un tutor, che ha il compito di assicurare il raggiungimento degli obiettivi formativi dello stage, ed è assicurato contro gli infortuni sul lavoro e per la responsabilità civile verso terzi.

Riferimenti legislativi/Regolamentazione
Il Decreto del Governo 352/2003 disciplina i tirocini obbligatori promossi dai Politecnici finlandesi e ne stabilisce la diversa durata secondo i rispettivi curricula. Il Decreto del Governo 794/2004, che norma invece l’organizzazione delle università finlandesi, cita i tirocini promossi all’interno dei corsi universitari per la laurea breve e la specialistica rispettivamente come “pratiche di lavoro per lo sviluppo professionale” e “tirocini professionalizzanti”. Tuttavia il Decreto non stabilisce né lo status giuridico del tirocinante, né il regolamento o i contenuti del tirocinio. La Legge 1431/2001 sull’assistenza sociale definisce gli aspetti generali relativi agli stage per inoccupati e disoccupati e le relative convenzioni, mentre la Legge 1295/2002 sul Servizio pubblico per l’Impiego regola l’attivazione dei tirocini utilizzati come strumento di politiche attive del lavoro.

Documentazione richiesta
Per risiedere in Finlandia per un periodo non superiore a 3 mesi, è sufficiente essere in possesso della carta di identità o del passaporto. Se il soggiorno supera i 3 mesi, è necessario registrarsi presso le autorità di Polizia, le quali provvederanno al rilascio di un certificato attestante l’avvenuta registrazione. Per maggiori informazioni si possono visitare i siti del Servizio finlandese per l’immigrazione e dei Servizi pubblici per l’impiego. Per quanto riguarda l’assistenza sanitaria, in caso di permanenze di breve periodo è sufficiente possedere la Tessera Europea di Assicurazione Malattia (TEAM), che permette di ricevere le cure mediche alle stesse condizioni dei residenti. È invece possibile usufruire dei servizi offerti dal Kela (l’ente che gestisce i servizi previdenziali in Finlandia) in caso di trasferimento permanente in questo Paese o di trasferimento per lavoro. Per avere informazioni dettagliate sulle prestazioni offerte agli stranieri dal sistema di sicurezza sociale finlandese si può consultare la guida del Kela Moving to or from Finland.


Cosa fare per trovare uno stage

Per iniziare a cercare uno stage in Finlandia, si può innanzitutto far riferimento ai già citati TE-Offices (Servizi pubblici per l’impiego): nella sezione Work in Finland del portale è possibile trovare informazioni, notizie e suggerimenti per tutti gli stranieri che stanno cercando un’opportunità di lavoro o tirocinio in Finlandia. È inoltre possibile contattare direttamente i TE-Offices per avere un servizio di consulenza e orientamento ed essere supportati nella ricerca di un lavoro o di uno stage.
Può essere inoltre molto utile visitare il portale del network Aarresaari (Academic career services), una rete di servizi di orientamento professionale che rappresenta 12 università finlandesi. La rete offre diversi servizi per gli studenti universitari, i laureati e i datori di lavoro, oltre che per le università stesse, e favorisce l’incontro tra studenti e datori di lavoro. Nel portale è possibile trovare, oltre ad una pagina specifica sui tirocini, la guida Tips for jobseeking, nella quale vengono forniti consigli e suggerimenti per la ricerca del lavoro (come scrivere un Cv, come candidarsi, come affrontare il colloquio di selezione) ed informazioni utili sulla normativa del lavoro e sulla cultura finlandesi.
Un ulteriore canale per trovare uno stage in Finlandia è rappresentato dal CIMOCentre for International Mobility , un’organizzazione del Ministero dell’Istruzione finlandese specializzata in servizi e progetti per la mobilità transnazionale. Il CIMO organizza programmi internazionali di scambio per la realizzazione di tirocini e fornisce informazioni sulle possibilità di formazione e stage in Finlandia. Va però ricordato che non si può accedere autonomamente ai programmi di mobilità offerti dal Cimo, ma soltanto attraverso l’istituto d’istruzione o formazione di provenienza. Interessanti informazioni per trovare un tirocinio o un lavoro in Finlandia possono essere inoltre reperite all’interno del sito studyinfinland. Se si frequenta la scuola, l’università o un corso di formazione professionale, è possibile svolgere uno stage in Finlandia anche mediante il Programma europeo Erasmus+ o un’Associazione studentesca. Se invece non si è iscritti ad un corso di studi o di formazione e si intende cercare autonomamente uno stage, si può consultare il portale europeo della mobilità professionale Eures. Il sito di Eures Finlandia offre informazioni utili per chi intenda fare un’esperienza di formazione o di lavoro in questo Paese.
Tra i siti finalizzati all’incontro tra domanda e offerta di formazione/lavoro, segnaliamo inoltre il portale rekrytointi, che offre la possibilità di candidarsi per diverse opportunità di studio e di lavoro in Finlandia. E' opportuno visitare anche il portale workinfinland, dove si possono trovare, oltre ad offerte di lavoro rivolte a stranieri che parlino fluentemente l’inglese, informazioni utili per vivere, studiare e lavorare in questo Paese.
Anche i quotidiani e le testate nazionali e regionali hanno spazi dedicati alle opportunità di lavoro/stage. Di seguito alcuni riferimenti sul web, solo in lingua finlandese: Helsingin Sanomat – Il giornale di Helsinki; la sezione dedicata al lavoro del principale quotidiano finlandese Aamulethi; la sezione dedicata alle offerte di lavoro del quotidiano Oikotie.

 

Lingua, moneta e costo della vita

La Finlandia è un Paese bilingue dove si parla sia il finlandese che lo svedese. La lingua inglese è ampiamente utilizzata nei luoghi di lavoro.

La moneta è l’euro.

La Finlandia è sicuramente un Paese molto caro. Il costo della vita, in particolare per quanto riguarda il vitto e i trasporti, è ben più elevato rispetto alla media europea. Va però considerato che i finlandesi, a fronte delle numerose tasse che sono tenuti a pagare, possono usufruire di svariati servizi a prezzi vantaggiosi o addirittura senza alcun costo. Delle diverse agevolazioni economiche per gli studenti finlandesi (sconti nelle mense, abbonamenti ai mezzi pubblici a prezzi ridotti, alloggi a basso costo ecc.) possono invece usufruire anche gli studenti stranieri. Affittare un mini appartamento in centro costa almeno 700 euro, ma allontanandosi dal centro i prezzi degli affitti si abbassano.

Dove alloggiare

Le sistemazioni più economiche sono rappresentate dalle case degli studenti (in proposito si può consultare la pagina Accommodation sul sito studyinfinland), dagli ostelli della gioventù e dai bed & breakfast. Molti ostelli rimangono aperti tutto l’anno, soprattutto quelli che si trovano in località turistiche o presso i centri universitari. In alternativa si può affittare una stanza o condividere un appartamento con altri ragazzi. Per la ricerca di un appartamento in Finlandia si possono consultare i siti cityapartments, oikotie, etuovi, vuokraovi, asunnotoikotie, lumo

Indirizzi utili
  • Ambasciata di Finlandia in Italia – via Lisbona, 3 – IT-00198 Roma – tel. 06852231 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.www.finland.it
  • Ambasciata d’Italia a Helsinki – Itäinen Puistotie, 4 A – FI-00140 Helsinki – tel. 00358096811280 fax 00358096987829 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.www.ambhelsinki.esteri.it
  • Istituto Italiano di Cultura in Finlandia – Vuorimiehenkatu, 11 B – FI-00140 Helsinki – tel. 00358096811330 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.www.iichelsinki.esteri.it
  • Ministero dell’Istruzione e della Cultura (Opetus- ja kulttuuriministeriö) – Meritullinkatu, 10 – Helsinki – PO Box 29 – FI-00023 Government Finland – tel. 00358295330004 fax 00358091359335 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.www.minedu.fi
  • Ministero del Lavoro e dell’Economia (Työ- ja elinkeinoministeriö) – Aleksanterinkatu, 4 – Helsinki – PO Box 32 – FI-00023 Government Finland – tel. 0035829516001 fax 00358916062160 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.www.tem.fi
  • Enic-Naric – Finnish National Board of Education – Sede nazionale della rete ENIC (European Network of Information Centres in the European Region) – NARIC (National Academic Recognition Information Centres in the European Union) – PO Box 380 – FI-00531 Helsinki – tel. 00358295331000 fax 00358295331035 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.www.oph.fi/recognition
  • Cimo – Centre for International Mobility – Hakaniemenranta, 6 – PO Box 343 – FI-00531 Helsinki – tel. 00358295338500 fax 0035897531122 – www.cimo.fi
  • Academy of Finland (Suomen Akatemia) – Hakaniemenranta, 6 – PO Box PL 131 – FI-00531 Helsinki – tel. 00358295335000 fax 00358295335299 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.www.aka.fi
  • Kompassi – Youth Information Centre – PO Box PL 5000 – FI-00099 Helsinki – tel. 003580931080080 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.www.kompassi.info
  • Istituto delle assicurazioni sociali (Kela-Kansaneläkelaitos) – Nordenskiöldinkatu, 12 – FI00250 Helsinki – PO Box 450 – FI-00101 Helsinki – tel. 003582063411 – www.kela.fi
  • Euroguidance Finland – Centre for International Mobility (Cimo) – Hakaniemenranta, 6 – PO Box 343 – FI-00531 Helsinki – tel. 003580295338500 fax 00358097531123 – Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.www.cimo.fi/services/euroguidance_finland